L’italiano nero, pupazzo del carbone – video

Anni 50, l’Italia è in crisi. Gli italiani cercano una situazione migliore. Trovano una speranza nel sogno belga. Il carbone del Belgio rappresenta il sogno dorato di centinaia di migliaia di migranti. Non sanno verso cosa vanno incontro. Quel carbone è un inferno, le condizioni di lavoro sono terribili, le condizioni di vita fuori dalle miniere sono lontane del sogno iniziale.

 

 

In Belgio e  nel nord della Francia c’era un soprannome a volte leggermente dispregiativo per gli italiani.

Tu sei un “Rital”!

L’origine del termine “rital” è semplice: sui documenti dei italiani era scritto “R. Ital” per Rifugiato Italiano.

 

Oggi, quel termine è sempre meno utilizzato, i figli di questi migranti sono sempre fieri delle loro origini e della propria cultura italiana. Addirittura quando ci sono i mondiali di calcio vediamo fiorire su molte case tantissime bandiere italiane. In alcune zone del Belgio sono entrate nelle espressione locale delle parole italiane.

“Mets tes scarpes, on va faire un gire.”

In francese dovrebbe essere “Mets tes chaussures, on va faire un tour”.

 

Gli italiani hanno arricchito la cultura ovunque nel mondo. Questo video tratta soltanto dell’esempio belga dove oggi i “rital” di una volta sono perfettamente integrati ed alcuni di loro sono diventati anche figure importanti del loro paese come per esempio Elio Di Rupo, primo ministro del Belgio dal 2011 al 2014.

 

I migranti sono stati una risorsa economica, culturale e anche sociale.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.